Rabelott - English IPA - cl 75

Birrificio Balabiott Birrificio Balabiott

Birrificio Balabiott

New product

Prezzi ridotti! Nuovo Rabelott - English IPA - cl 33 Ingrandire

Birra ambrata ispirata alle IPA inglesi. L'intensità dei diversi luppoli utilizzati bilancia il malto caramellato, rendendola piacevolmente amara e beverin

Maggiori dettagli

7,20 €

9,00 €

-20%

Spediamo in tutta italia

Consegna entro 72 ore

Spedizione in box sicuri

Pagamenti securizzati

Spendi ancora 80,00 € e ti regaliamo la spedizione!

Sconti sul volume

QuantitàScontoSalva
4 25% Fino a 9,00 €
8 33% Fino a 23,77 €
ColoreAmbrate
FermentazioneAlta
StileIPA
Grado Alcolico5.6% Vol.
ProduttoreBirrificio Balabiott
GustoDissetante
Bicchiere indicatoCalice a chiudere
Dimensione Bottiglia75 cl.
SchiumaBianca
ProvenienzaPiemonte
I.B.U.40
Abbinamentiprimi piatti, salumi, tofu, carni bianche e dolci.
Profumonote fruttate e balsamiche
Ingredientiacqua, malto d'orzo, segale coltivata in Ossola, luppolo, lievito

Birra ambrata ispirata alle IPA inglesi. L'intensità dei diversi luppoli utilizzati bilancia il malto caramellato, rendendola piacevolmente amara e beverina. Il nome (termine dialettale che significa "confusione"), deriva dall'utilizzo di tre tipologie di luppolo di origini geografiche differenti, che ne conferiscono il caratteristico aroma e sapore.

ABV: 5,6% - T di servizio: 8-10 °C - EBC: 16 - IBU: 40

Ingredienti: acqua, malto d'orzo, segale coltivata in Ossola, luppolo, lievito.

Abbinamenti: Ideale come accompagnamento per primi piatti, salumi, tofu, carni bianche e dolci.

Conservazione e servizio: si conserva lontano da fonti di calore e al riparo da luce diretta, in ambienti freschi. Servire tra 8 e 10 °C preferibilmente in calici a tulipano.

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Rabelott - English IPA - cl 75

Rabelott - English IPA - cl 75

Birra ambrata ispirata alle IPA inglesi. L'intensità dei diversi luppoli utilizzati bilancia il malto caramellato, rendendola piacevolmente amara e beverin

 Nel 2014, dopo un anno di sperimentazioni su piccoli impianti di laboratorio il Birrificio Balabiòtt apre i battenti in corso Moneta 75 a Domodossola, con un piccolo impianto da 2,5 hl e due fermentatori da singola cotta. Produce inizialmente 3 birre: FiòlaRabelòtt e Sciùra. Col passare dei mesi nasce la Bìsa, la 40 dì (in occasione del 70° anniversario della Repubblica dell'Ossola) e poco dopo la Baiòrda
Un anno dopo, data la crescente richiesta, si trasferisce nei locali di  in un ex supermercato allestiti con una sala cottura da 12 hl e una cantina di fermentazione da 84 hl, che consentono potenzialmente di produrre poco meno di 1000 hl annui. 
 Ad inizio 2016 viene prodotta la prima birra a bassa fermentazione: la Ganàssa. Al top di gamma troviamo la Vègia'14, una birra invecchiata in botte di Prunent (Vino Nebbiolo Ossolano) creata in collaborazione con le Cantine Garrone, a tiratura limitata prodotta ogni anno con ingredienti, fermentazioni e tempi di invecchiamento differenti. 
Completano l'assortimento la Birra Lepontina (Cream Ale) e la Lepontina Weiss prodotte solo in fusti per HoReCa.  In aprile il birrificio viene recensito nella "Guida alle Birra d'Italia 2017" edito da Slow Food: la Sciùra è inserita nella lista delle Grandi Birre, si tratta del primo riconoscimento ufficiale.


La Val d’Ossola è un’ampia valle alpina, situata a nord del Piemonte e al confine con la Svizzera, composta da sette valli: Valli Vigezzo, Anzasca, Formazza, Bognanco, Divedro, Antigorio e Antrona. Al centro è racchiusa la piana dell’Ossola con i suoi caratteristici centri storici.


Il nucleo fisico e amministrativo dell’Ossola Centrale, sua “capitale civile”, è Domodossola, terra di transito per il passo del Sempione e per i valichi alpini della Formazza. Forte della sua vocazione di città di frontiera da migliaia di anni, Domodossola ha saputo negli anni confermarsi come moderna cittadina pur conservando le sue caratteristiche di borgo medievale. Sul colle Mattarella che sovrasta la cittadina si trova il Sacro Monte Calvario, inserito dall’Unesco a partire dal 2003 tra i Patrimoni dell’Umanità.

Accetto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa riguardante la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.